La mia esperienza con lo Shuichuan Zi Ran Qigong (qigong naturale)

Articolo pubblicato sulla Rivista trimestrale Lux Terrae – Spiritualità, Scienza, Ambiente, Arte, Economia, Alimentazione. www.luxterrae.com e sul trimestrale inglese Kindred Spirit

La Via dello Spirito

C’è una via che fluisce naturalmente e senza sforzo e tutto quello che dobbiamo fare è lasciare andare la resistenza. E’ la via dello spirito incarnato che fa esperienza di sé stesso e della propria natura creativa, la via di chi siamo. Molto spesso la realtà espressa nella parola “Spirito”, spaventa persino coloro che sono coinvolti nel mondo dell’Energia, che poi è la stessa cosa. Questo perché spesso ci affidiamo troppo al sapere e poco al sentire. Se lasciamo andare il controllo, se lasciamo andare la resistenza, la vita si dispiega in modo del tutto naturale verso la sua pienezza, nella realizzazione di ciò che siamo, creando la nostra realtà in armonia con l’Anima. E’ molto semplice, ma alla nostra mente piacciono le cose complicate, intricate e difficili da comprendere. Ho osservato con meravigliato interesse il dispiegarsi nella mia vita di conoscenze che non avevo appreso, ma che sono emerse da un’evidente memoria che va oltre la fisicità di questa vita, riscontrate in pratiche che sono effettivamente esistenti da millenni. Ringrazio l’esistenza che mi ha donato la capacità di andare oltre il pregiudizio, per osservare io stessa il fenomeno della vita e trarne le conclusioni.

Ima7_1474538037020

Shuichuan Zi Ran Qigong (qigong naturale)

La pratica del Qigong Naturale con il suo movimento spontaneo, ci aiuta a lasciare andare la resistenza. Tira fuori tutto quello che abbiamo dentro, dapprima l’energia bloccata e quindi la resistenza e poi il potenziale illimitato che è in noi, per aiutarci a seguire il nostro naturale cammino. Aiuta a liberarci giornalmente di tutte le tensioni create da pensieri disarmonici e quindi a mantenere un equilibrio fisico, mentale ed emotivo.

Il Qigong Naturale è una meditazione taoista praticata in Cina da migliaia di anni. Letteralmente significa “Lavorare con l’Energia”. Abbiamo una serie di esercizi e di “forme” tramandate dai maestri che hanno lavorato con la propria guida interiore, con lo Spirito, per arrivare a quei movimenti direttamente. Il Qigong Naturale appunto, ci permette di fare proprio questo, di essere maestri di noi stessi. E’ un movimento spontaneo in uno stato di “Wu wei”, o “non-attaccamento”, affidandosi alla guida dell’energia universale in collaborazione con la nostra.

I movimenti sono diversi per ciascun praticante e per l’equilibrio della sua energia interiore. Essi non vengono dalla mente, ma dal lavoro di abbandono all’Energia Universale. E’ una sensazione che va oltre ogni descrizione e che incoraggia il praticante a eseguirlo ogni giorno, Inizialmente la fluidità del movimento può essere limitata da stress emotivi/mentali presenti o passati che vengono gradualmente rilasciati attraverso l’esercizio spontaneo, per arrivare ad una fluidità simile a quella del Tai Chi.

Il Qigong Naturale è un percorso sacro verso il proprio sé interiore, che permette di diventare maestro di sé. E’ una collaborazione naturale e profonda tra la nostra energia e l’energia cosmica di cui siamo parte, un matrimonio sacro tra Spirito e Materia.

Il mio personale percorso con la meditazione e con il movimento spontaneo

Sin da bambina ho cercato il senso profondo della vita, il sentimento interiore che ci guida.

Quando mi sono trasferita dall’Inghilterra in Australia nel 1996, un operatore olistico che avevo conosciuto nella zona dove ho vissuto, mi ha parlato di un trattamento di Qigong che aveva ricevuto e che aveva risolto i suoi problemi. Avendo sempre sentito il bisogno di approfondire le motivazioni profonde del mio malessere esistenziale, per raggiungere le profondità del mio spirito, ho prenotato un appuntamento, e ho così iniziato il mio personale viaggio verso la consapevolezza. Con i primi trattamenti iniziarono ad emergere subito le mie emozioni bloccate così che, il mio operatore mi suggerì di frequentare un gruppo specifico, per ulteriori sviluppi. Era appunto il Qigong Naturale, una meditazione con movimento spontaneo, dove si accede all’energia nel punto Dan Tien, il cancello dell’”energia originale”, utilizzato nelle arti marziali, e poi ci si abbandona all’Energia Universale, nel movimento che è giusto per noi in quel momento. Così, fui incoraggiata sin dall’inizio a non forzare il movimento, ma ad attendere che avvenisse spontaneamente, in uno stato di “Wu wei”, non-attaccamento, e così feci. Trascorsi molte sedute senza muovermi. Poi, all’improvviso, la mia schiena e il collo cominciarono ad inarcarsi durante le sedute, come se l’energia stesse cercando di allungare la parte anteriore del mio corpo.

Questo durò per più di una seduta, anche se non mi ricordo esattamente per quanto tempo. Tutto quello che ricordo è che, alla fine, tutti i tipi di emozioni cominciarono a fuoruscire e, occasionalmente, i ricordi legati a quelle emozioni sgorgavano spontaneamente.

La mia esperienza è stata abbastanza catartica, ma non è necessariamente così per tutti, il processo è individuale. Molte persone iniziano a muoversi da subito. Dove il ristagno di energia e il condizionamento mentale è minore, il movimento è più fluido e, nella mia esperienza di insegnamento, le trasformazioni sono state sempre dolci e meno catartiche.

Una vita spontanea ed i Suoni

Il mio corpo cominciò a muoversi, e il movimento cresceva più armonioso con il passare del tempo. Ricordo molto bene i primi momenti, quando le mie mani si sono unite nella posizione di preghiera per toccare la sommità della mia testa, il terzo occhio, il cuore e poi verso il basso in un movimento continuo come fosse una preghiera. Non solo il movimento si stava sviluppando in modo più armonioso simile al Tai Chi, ma la spontaneità intrinseca del Qigong accadeva contemporaneamente nella mia vita. Sentimenti repressi durante la vita uscivano spontaneamente quasi come se fosse qualcun altro che li stesse manifestando. Mentre in passato reprimevo le mie esigenze, ora le esprimevo senza nemmeno pensarci, in un modo che mi sorprendeva, come se stessi osservando una persona nuova, che non conoscevo, e che avevo sempre voluto essere.

Il movimento spontaneo dell’esercizio di Qigong “straripava” nella mia vita, e mi permetteva di essere chi ero veramente.

Il movimento è diventato sempre più fluido con il passare del tempo e, poiché già praticavo omeopatia e massaggi, ho iniziato in modo del tutto naturale a praticare Qigong come trattamento individuale sulle persone.

Ho lasciato l’Australia nel 2000 e sono tornata in Inghilterra.

A causa di ciò, non ho più avuto il sostegno del mio gruppo di Qigong e non ho trovato nulla che somigliasse all’insegnamento che avevo ricevuto a Sydney. Ho continuato a fare gli esercizi regolarmente da sola. A quel tempo praticavo terapie olistiche a Canterbury, nel Regno Unito, ed è in quel periodo che i suoni vocali cominciarono ad apparire. Come tutto il resto in questo processo, sono arrivati in modo naturale e inaspettato ed è stato difficile per me lasciare andare la resistenza in un primo momento. Mi sono però fatta coraggio e ho detto alle persone che venivano per il trattamento, che avrei fatto dei suoni vocali durante la seduta. Era così evidente, dal risultato dei trattamenti, che i suoni erano portatori di una potente energia di aiuto e nel tempo sono diventati parte integrante di ciò che praticavo.

Mudra

Nel dispiegarsi di questo meraviglioso viaggio, tendevo ad unire le dita delle mani insieme in diverse posizioni. Erano però quasi sempre le stesse posizioni delle dita. Sono venuta poi a conoscenza dell’esistenza dei mudra e le posizioni delle dita che assumevo spontaneamente, erano in realtà mudra, come la Vitarka Mudra, dove l’indice tocca il pollice, che è collegato all’insegnamento, la conoscenza e la coscienza. E’ come la trasmissione di un particolare insegnamento senza parole, e il cerchio formato dal pollice e l’indice crea un flusso costante di energia e informazione. Il Prithvi Mudra, dove l’anulare tocca il pollice e il resto delle dita rimangono dritte, rappresenta l’elemento terra, che attraverso questo mudra è mantenuto in equilibrio. La terra è un elemento fondamentale, che aiuta l’evoluzione della vita. E’ come una madre per gli esseri viventi. La terra ha capacità di resistenza. Il mudra Prithvi è utile per lo sviluppo di queste qualità. Ci sono altri mudra come il Karana Mudra, con cui i “demoni” vengono espulsi, intendendo con questi le iniquità della nostra mente. Sono andata a cercare il significato dei mudra solo di recente, perché avevo notato che due dei mudra che uso più frequentemente (Vitarka e Prithvi) sono gli stessi di una statua di Tara Bianca che possiedo. Normalmente non indago su quello che arriva spontaneamente durante la seduta, perché non voglio attirare l’attenzione della mente su qualcosa che non appartiene ad essa.

I mudra arrivano in momenti in cui la presenza del divino dentro e intorno a me è più forte. Sento che sono gesti sacri, che vengono per un motivo ed hanno un significato profondo.

Un linguaggio misterioso

Il percorso magico della vita mi stava portando ad una più profonda conoscenza di me stessa e verso il mio vero potenziale. Ho imparato a fidarmi dell’esistenza sempre di più.

Nel fare il trattamento di Qigong su altre persone, un ulteriore sviluppo si fece aventi. Un lnguaggio “misterioso” cominciò ad apparire, più o meno sempre con le stesse “parole”. Ho lasciato andare il controllo, ho cercato di abbandonarmi e non giudicare quello che stava accadendo. Avevo imparato ad avere fiducia nel flusso dell’esperienza e in quello che emergeva, sicura ormai che fosse per il mio bene superiore e quello degli altri, essendo pure le “fondamenta intenzionali”.

Sentivo che pronunciare le parole di quel linguaggio dava molto più forza al trattamento. Non potevo ignorarlo, anche se devo ammettere che in un primo momento sussurravo le parole nella speranza che la persona non sentisse.

Quindi, quello che io chiamo oggi Quantum Qigong è un trattamento che comprende tutto ciò che ho descritto precedentemente. Movimento, mani, suono, mudra e quello che chiamo linguaggio di luce, in una combinazione che è unica come la persona che viene per il trattamento.

Aiuta il ricevente a lasciar andare schemi di energia che non servono più, per dar spazio al loro pieno potenziale come esseri di luce illimitati e meravigliosi.

Spirit Gong

C’è stato poi un lungo periodo di silenzio nella mia vita, in cui non ho fatto nessuna delle cose in cui meglio esprimo il mio vero io interiore. Ho fatto pochissimi trattamenti o insegnato seminari. Sentivo di ritirarmi in me e così ho fatto, e mi sono dedicata per anni ad un lavoro completamente diverso.

Molte cose sono successe in quel silenzio e una nuova energia si è risvegliata. Anche se ho venduto campane tibetane per anni e le amavo, non le avevo mai usate per me stessa, per la meditazione, poiché non ne avevo mai sentito il bisogno.

Recentemente, la stessa energia che mi ha guidato verso i doni che si sono fatti strada in modo meravigliosamente spontaneo, mi ha portato ad iniziare a suonare questi strumenti e ad usare con essi i suoni vocali che ho acquisito attraverso il Qigong Naturale. Ho scoperto che questa pratica è molto potente nell’elevare l’energia, consentendo ala persona di sperimentare una parte profonda del suo essere. Si tratta di un portale di una vibrazione molto più elevata.

Oggi conduco sessioni, giornate e interi weekend di Qigong Naturale con le campane tibetane e la voce in Liguria e in tutta Italia, per aiutare le persone a far emergere il proprio potenziale, la verità del loro Spirito. E’ “Spirit Gong”, “Lavorare con lo Spirito”!

La pratica di Qigong mi ha permesso di passare attraverso la resistenza della mente inferiore, per scoprire la magia in me stessa e nella mia vita.

Sento una profonda gratitudine per questo!

Lux-TerraeLux-Terrae-rivista-trimestrale-di-spiritualità-e-ambienteLux-Terrae-qigong-naturale-meditazione-con-movimentoLux-Terrae-Qigong-Naturale-rivista-spiritualità
Kindred-Spirit_1470648148973
Creare un sito per ristoranti